Don Italo Gambini

Nato nel 1919, Don Italo Gambini appartenne da subito al CNL insieme a Renato Roberti, Alfio Sartoni e Renato Pini. Di lui ha scritto don Renato Roberti: "Don Italo lottò per la libertà: una lotta da sacerdote, senza miraggi egoistici. Era la sua una lotta di un animo innamorato della libertà, indignato contro le oppressioni delle coscienze, contro una tirannia che tentava di annientare i valori umani e cristiani con la violenza e la crudeltà." In quel crescente inferocire degli oppressori, fu il sostegno della popolazione di Castiglioncello: la sua presenza, l'aspetto sempre sereno ed ottimista donavano fiducia alle famiglie costernate. Non vi fu bombardamento o disgrazia o incidente doloroso in cui egli non fosse presente a soccorrere o consolare.

Dava sempre l'impressione di forza: era forte fisicamente, aveva una volontà d'acciaio ed un coraggio indomabile. Si mise in contatto con l'VIIIa Armata per ottenere un lancio di viveri ed armi ai partigiani di Suvereto, nascose molti giovani renitenti alla leva repubblichina, fondò i primi nuclei di resistenza.

Al passaggio del fronte, col crescere del pericolo, divenne più audace, più generoso, più sereno. Piovevano le cannonate ed egli continuava a confortare le famiglie ancora nascoste in varie parti del paese.

S'interpose più volte tra i tedeschi e la popolazione per proteggerla e difenderla.

E fu nell'accompagnare la famiglia di Antonio Giuseppe Bini, cacciata da un rifugio antiaereo, che fu dilaniato quel 10 luglio del 1944.

I tedeschi avevano minato in precedenza una strada e su quella costrinsero a passare il Bini, sua madre, Rosa Dani, ed il sacerdote. Don Gambini ed il Bini morirono istantaneamente, Rosa Dani cinque giorni dopo per i postumi conseguenti al fatto.

Don Italo fu provvisoriamente seppellito nel giardino dei Conti Pasquini e, poi, trasportato, il 15 luglio, al Cimitero di Rosignano Marittimo. Aveva soltanto 25 anni e celebrava la Messa da un anno.

(Tratto da "Dalle AM-Lire all'Euro" di Carlo Mancini e Leo Gattini pag.34)

  Torna a Comune R.M.mo: persone  Torna a Castiglioncello oggi

Comune di Rosignano Marittimo: persone